Micetto, oltre che un Signore, anche un poeta.

Il commento di “Micetto” alias Maurizio Cenci al Giro della Valdorcia.

QUANDO SPORT  VACANZA E ALLEGRIA, SONO SOTTO LO STESSO CIELO.

Anche il 2014 ha visto al traguardo, per il sesto anno di fila, me e la mia consorte all’ ormai mitico giro a tappe della Val d’Orcia in Toscana, gara di cui ogni anno non posso più fare a meno. Annata record con  199 atleti che hanno fatto da una a quattro tappe, dei quali solo 136 le hanno portate a termine tutte cinque. Il Giro podistico è ambientato In una zona piena di bellezze naturali da scoprire, paesaggi incantevoli da gustare, antichi borghi splendidi da visitare; si partecipa a questa gara  non solo per il piacere di correrla, ma perché nello stesso momento ti permette di immergerti per una settimana in questi scenari. Cinque tappe una diversa dall’altra con proprie caratteristiche, per tirare fuori il meglio di ognuno di noi in ogni condizione. Infatti non manca nulla, dalla tappa corta tutta in salita, a quella più lunga con salitone iniziale e discese ripide, e quella veloce a circuito.  Poi tanto sole caldo, avversari, amici, allegria,  salite ,discese, sassi, sterrato, erba, radici, asfalto (poco), non sono mancate nemmeno le pecore, perché metà dei concorrenti della quarta tappa ha dovuto fare lo slalom attraverso un gregge di pecore che stava attraversando il sentiero della gara, e naturalmente si doveva tenere d’occhio il cane pastore (un maremmano) che non sembrava contento che infastidissero le sue pecore. … !! che sbadato,c’è qualcosa che mancava… la pianura: 40 km, metri piatti ZERO.  Il tutto sotto la splendida regia di STEFANO GRIGIOTTI, che ti rende sempre tutto facile,  sempre disponibile, sempre presente, in poche parole, non un organizzatore a tavolino,ma un amico che ti guida tappa dopo tappa, e che durante ogni gara trovi in  punti diversi del percorso a incitarti, poi arrivi al traguardo e lui è li !!! come faccia non lo so.  Quest’anno dal modenese, alla conquista del traguardo, ci siamo presentati sulla linea di partenza in nove ( della pol.Madonnina NERI ELENA – PIGNATTI ANDREA  – BATTILANI LORELLA -  MESCHIARI EVA – FIORI CRISTIAN  – della pol.Mirandolesi LUPPI ANSELMO – della Fontana Fossoli BESCHIN MARISELLA .  di Spirito Trail CENCI MAURIZIO – Più il libero NERI WILLIAM e un decimo amico, che si è aggregato alla compagnia, FIOCCHI LUCIANO, e chi più, chi meno agguerrito, ma tutti li per divertirsi.

Mai come quest’anno il caldo ha fatto da padrone, mettendoci tutti a dura prova, me compreso, e alla quarta tappa ho dovuto lasciare parecchi minuti agli avversari diretti (ero proprio alla frutta) ma come i gatti, avendo 7 vite, nell’ultima tappa ho tirato fuori le unghie, ho mostrato i denti, ho gonfiato i polmoni, ma soprattutto ho tirato fuori grinta e cuore, battagliando fino all’ultimo metro della durissima salita finale, riconquistandomi la terza posizione di categoria. Già dalla prima tappa (la più lunga), invece, la forte Elena Neri ha fatto vedere alle sue avversarie di che pasta è fatta, portandosi subito al comando dal primo metro, e mantenendo il comando fino all’ultimo metro della quinta tappa, alla fine la nona posizione assoluta non le rende merito, perché fino alla penultima tappa era sesta, ma correndo l’ultima gara in compagnia dell’ormai amica rivale Daniela, si è fatta scavalcare da tre uomini che aveva sempre battuto. Non è che le mancassero le avversarie forti, infatti erano presenti l’ultima vincitrice dell’Ecomaratona del Chianti (Furlani Daniela), e la vincitrice di una delle edizioni della durissima gare a tappe Traslaval in Trentino (Bellorini Ombretta), entrambi forti sui terreni sterrati e collinari come quelli trovati qui. L’altro nostro atleta di punta (Andrea Pignatti) tappa dopo tappa ha battagliato guadagnando con grinta, giorno dopo giorno, una posizione sempre più alta, finendo alla fine primo della sua e mia categoria, e ottavo assoluto, in poche parole mi ha stracciato.

Ma non è finita qui per i colori modenesi…  sono stati portati  in alto  anche da tutti gli altri con passione e grinta, raggiungendo un ottimo risultato e soddisfazioni personali; rendono onore alla nostra spedizione anche i podi raggiunti  dalle altre tre donne EVA – LORELLA – MARISELLA, quindi tutte e quattro le donne modenesi sono arrivate a podio, e come sempre le donne battono gli uomini. Proseguiamo da quelli che il podio l’hanno sfiorato CRISTIAN e WILLIAM, per finire  con i piazzamenti di ANSELMO e LUCIANO, che avevano però le categorie più numerose e agguerrite da sbaragliare. Ecco tutti i risultati :

PIGNATTI ANDREA  8 assoluto -  1 di categoria M50 _

NERI ELENA   9 assoluta  -  1 donna assoluta _

CENCI MAURIZIO  20 assoluto  -  3 di categoria M50 _

NERI WILLIAM  48 assoluto  -   5 di categoria M50 _

FIORI CRISTIAN  51 assoluto  -  4 di categoria M40 _

MESCHIARI  EVA  67 assoluta  -  2 di categoria F40 _

LUPPI ANSELMO  96 assoluto  -  15 di categoria M60 _

BESCHIN MARISELLA 98 assoluta  -  2 di categoria F60 _

FIOCCHI LUCIANO  106 assoluto  -  12 di categoria M65 _

BATTILANI LORELLA  130 assoluta  –  3 di categoria F50 _

Naturalmente non è tutto qui…. nei momenti di riposo si poteva fare di tutto e di più, tanti borghi incantevoli da visitare ,come Bagno Vignoni, Pienza, Montepulciano, Montalcino… tanto per nominarne  alcuni, tutti a pochi km; alcune emergenze naturalistiche  uniche al mondo, come il Fosso Bianco,da visitare, per vedere cosa possono costruire  l’acqua e il tempo. Piscine olimpioniche a tua disposizione gratis, terme calde , chi andava a ballare fino a sera tarda, in poche parole, la NOIA  non esisteva in questa settimana di sport e vacanza.

Maurizio Cenci

it.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>