Marco Mazzoli il “Bolognese” della Uisp Chianciano alla Cortina – Dobbiaco Run.

In attesa di vederlo per il Suo 16^ giro podistico della Valdorcia il Bolognese Marco Mazzoli sarà impegnato nella durissima gara Cortina – Dobbiaco Run accompagnato dall’amico Andrea Pagnotta, oltre 5000 gli iscritti alla gara.

ALTIMETRIA

PERCORSO
Il tracciato ripercorre il percorso dell’ex-ferrovia che collegava le due località, Cortina d’Ampezzo e Dobbiaco, attraversando paesaggi mozzafiato, immersi nella natura incontaminata.
Si parte da Cortina d’Ampezzo in Corso Italia e, dopo 30 Km si giunge fino a Dobbiaco.
In leggera salita la prima parte, con passaggi in gallerie e ponticelli che sembrano sospesi nel vuoto.
Il tutto sempre con le Dolomiti a fianco, fino allo scollinamento del Passo Cima Banche (1530m, altezza massima del tracciato), che divide non solo le due località, ma anche due province e due regioni diverse.
Rispettivamente, Belluno in Veneto, e Bolzano in Alto Adige.
Continuando il percorso si scende fino al lago di Landro, e poco dopo sulla destra si ergono e sono il simbolo di questi luoghi: le tre Cime di Lavaredo. Imponenti e maestose, sono note in tutto il mondo per la loro bellezza e il loro fascino.
Dopo pochi chilometri, si tocca il lago alpino di Dobbiaco, altra chicca del percorso.
Uscendo dal bosco si intravedono le prime case di Dobbiaco, si lascia lo sterrato, siamo all’ultimo chilometro.
L’arrivo, posto nel bellissimo parco del Grand Hotel è vicino, ecco ci siamo, l’ingresso con l’accoglienza del numeroso pubblico, a sancire la fine di una bellissima ed emozionante corsa…”La corsa nelle Dolomiti”.DSCN1408DSCN9993
DSCN0659
DSCN0913

it.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>