Parliamo dei Nostri runner.. il solo Pepa a premi, ma complimenti a tutti..Marcellino, Cinzia, Esimo, Mirko, e Mattia..

Appostato a 500 metri dall’arrivo come ogni anno è passato il quad… e Joachim…con dietro Boscarini, mi sono girato di spalle, ho visto Joachim in difficoltà, Iacopo l’ha preso per mano gridandogli, dai dai dai, andiamo andiamo, hanno proseguito la loro corsa ma quel gesto così naturale mi è rimasto dentro per un po’.. poi ho continuato con la mitragliatrice.. ed ecco i risultati dei Nostri portacolori…

img_0032img_0404img_0093img_9123img_0550img_9170img_0927img_9174img_1040img_9385img_1228img_9390img_1256img_9392img_2122img_9890img_9119img_9389img_9642img_9790

www.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   

Tornare a Canino ogni anno, è diventata una meta fissa, ha qualcosa di particolare..

Al ritorno da Canino Io, Esimo, e il Pepa ricordavamo l’anno che la Cassia era interrotta e per evitare di passare per Radicofani abbiamo optato per l’attraversamento del Paglia, esperienza unica da non ripetere. Abbiamo veramente rischiato, ma la voglia di partecipare era cosi forte, che nessun ostacolo ci ha fermato,  seppur con qualche commento non proprio  adatto fatto al momento dell’attraversamento. Sono questi gli aneddoti che ti fanno ricordare, pensare, che ti invogliano, a continuare nei percorsi domenicali delle gare, l’imprevisto, ma anche il fatto che troverai tanta gente nuova da conoscere e confrontare,  che trovi una bella accoglienza, e ti senti perfettamente come se fossi  a casa Tua..

img_9541img_9553img_9566

www.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   

Il pensiero di Alessandro Chiezzi sull’Ecomezza del 26 dicembre 2019…

Pubblico con piacere..il commento del Nostro Runner Alessandro Chiezzi sull’Ecomezza della Valdorcia…

13° Edizione eco mezza della Val d’Orcia

Il 26 dicembre torna il classico appuntamento di corsa in quel di Pienza, 22km nella meraviglia delle nostre campagne ottimi per smaltire parte dei bagordi natalizi. Diventata una delle competizioni più belle e partecipate del panorama podistico toscano ha raggiunto la tredicesima edizione e noi organizzatori ci sorprendiamo di come ci abbiano lasciato tutte dentro qualcosa per migliorarci sempre più, consapevoli di come per la buona riuscita di ogni cosa ci voglia anche una piccola dose di fortuna.

Nata come ormai tutti sanno da un idea di Stefano Grigiotti è il fiore all’occhiello della nostra società insieme al giro podistico organizzato a giugno; qui dedichiamo tempo e passione e il fatto di aver trovato  il percorso definitivo non ci esenta certo da affrontare l’organizzazione dell’evento con precisione e professionalità. Quando si siede dall’altra parte della barricata ovvero in qualità di gestori e realizzatori di una gara bisogna mettere l’esperienza di tanti anni di sport praticato a servizio dei nostri amici e compagni di tante domeniche, dei tanti appassionati che in un giorno di festa ci vengono ad onorare sposando la loro e la nostra passione.

Tutto deve andare per il meglio, lo dobbiamo anche all’amministrazione di Pienza che ci ospita e ci supporta, ai suoi abitanti ai quali per un giorno magari qualche disagio lo creiamo, e lo dobbiamo a noi stessi per averci messo cuore tempo ed emozioni.

Al bello non ci si stanca mai e in questa cornice la Val d’Orcia si presenterà al solito come una splendida signora, attraente e a festa vestita, scintillante nel fascino dello splendido borgo pientino che nel periodo natalizio acquista un aurea magica.

Chi è già venuto negli anni passati inevitabilmente ritorna riempiendoci ogni volta di complimenti, stimolo e convinzione per scrivere ogni anno una pagina di questa bella storia e, anche se passiamo giorni a misurare, segnare, fare ricognizioni sul percorso, arrabbiarsi magari per qualche cosa che non va, appena vediamo gli arrivi felicemente stanchi e sudati, tutto passa e rimane la consapevolezza di aver dato qualcosa ad ognuno dei partecipanti, una bella giornata da raccontare e un gran bel ricordo da conservare.

Venite il 26 dicembre a tuffarvi nel quadro che vi abbiamo allestito e che la natura e la storia hanno dipinto, venite per vivere e assaporare la giornata e mettetela in un posto speciale dentro di voi, perché questo genere di ricordi sono ancore che ogni tanto, nella vita complicata e convulsa di ognuno di noi, possiamo gettare per fermarci a riflettere in qualche approdo sicuro.

Alessandro Chiezzi

www.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF