Marco Mazzoli il “Bolognese” della Uisp Chianciano alla Cortina – Dobbiaco Run.

In attesa di vederlo per il Suo 16^ giro podistico della Valdorcia il Bolognese Marco Mazzoli sarà impegnato nella durissima gara Cortina – Dobbiaco Run accompagnato dall’amico Andrea Pagnotta, oltre 5000 gli iscritti alla gara.

ALTIMETRIA

PERCORSO
Il tracciato ripercorre il percorso dell’ex-ferrovia che collegava le due località, Cortina d’Ampezzo e Dobbiaco, attraversando paesaggi mozzafiato, immersi nella natura incontaminata.
Si parte da Cortina d’Ampezzo in Corso Italia e, dopo 30 Km si giunge fino a Dobbiaco.
In leggera salita la prima parte, con passaggi in gallerie e ponticelli che sembrano sospesi nel vuoto.
Il tutto sempre con le Dolomiti a fianco, fino allo scollinamento del Passo Cima Banche (1530m, altezza massima del tracciato), che divide non solo le due località, ma anche due province e due regioni diverse.
Rispettivamente, Belluno in Veneto, e Bolzano in Alto Adige.
Continuando il percorso si scende fino al lago di Landro, e poco dopo sulla destra si ergono e sono il simbolo di questi luoghi: le tre Cime di Lavaredo. Imponenti e maestose, sono note in tutto il mondo per la loro bellezza e il loro fascino.
Dopo pochi chilometri, si tocca il lago alpino di Dobbiaco, altra chicca del percorso.
Uscendo dal bosco si intravedono le prime case di Dobbiaco, si lascia lo sterrato, siamo all’ultimo chilometro.
L’arrivo, posto nel bellissimo parco del Grand Hotel è vicino, ecco ci siamo, l’ingresso con l’accoglienza del numeroso pubblico, a sancire la fine di una bellissima ed emozionante corsa…”La corsa nelle Dolomiti”.DSCN1408DSCN9993
DSCN0659
DSCN0913

PDF24    Invia articolo in formato PDF   

La “Regina” al Turlaghi 2015 dal 30 maggio al 2 giugno.

Daniela parteciperà al Turlaghi 2015 e se la vedrà con le forti atlete Laura Ricci e Ana Nanu tra gli iscritti anche l’amico Adriano Pinamonti vincitore dell’edizione 2010 dell’Ecomaratona del Chianti, ecco una breve descrizione delle 4 tappe e la foto della Regina pronta, si fa per dire per il Turlaghi.

1^ Tappa

Si parte da Vezzano (386m) in Piazza Fiera, si passa per Piazza San Valentino e si imboca via Borgo, oltrepassato l’antico portale d’ingresso al centro storico, inizia un breve tratto di salita che poi si “addolcisce” e si prosegue sull’agevole ciclabile arrivando dopo 3 km di gara in località Gaidoss (490m). Si svolta a sinistra e si inizia a salire, prima su strada asfaltata e poi per caratteristico sentiero nel bosco, fino a raggiungere la cima del Monte Mezzana (685m). Siamo al km 5 e si inizia a scende per comoda strada forestale prima e su sentiero poi fino a quota 480m, da qui, un breve tratto su strada sterrata, fra le coltivazioni di meleti, ci porta ai piedi dell’ultimo tratto di salita. 500 metri di sentiero nel bosco per raggiungere lo scollinamento dei Dossi di Ciago (570m). Gli ultimi 4 km vedono una prima parte collinare con il passaggio nel borgo di Ciago (540m) ed un finale in discesa fino all’arrivo di Fraveggio (420m).

2^ Tappa

La tappa prende il via all’interno del Forte di Cadine da dove si sale per strada di campagna, a tratti asfaltata, fino in località “Fer de Caval” da dove ha inizio il “Giro del Sorasass”. Il percorso é anulare e si sviluppa su circa 7000 metri di comodo sentiero che a tratti utilizza strade forestali in altri la vecchia strada militare. Tutte con pendenze agevoli in una comoda passeggiata tra il bosco con spettacolari panorami. Dalla località “Fer de Caval” (m. 507) si risale il versante occidentale del rilievo transitando per la località “Busa degli Acazi” vicino ai “Ventitre Pini” l’estremo altipiano che precipita a meridione nella forra del torrente Vela. La Poza dei Pini (m. 683) é il primo punto di interesse storico nel quale sono visibili resti di fabbricati risalenti alla prima guerra mondiale. La strada prosegue quindi ripida fino a raggiungere il vecchio percorso della strada militare a strapiombo sulla valle dell’Adige. Alla fine settentrionale del crinale, siamo al quinto chilometro, la strada scende per raggiungere la località “Spazadomeneghe” (m. 780) e la “Poza dela Casara” (m. 687) da dove una comoda sterrata anch’essa di origine militare riconduce alla località “Fer de Caval” per proseguire fino all’arrivo posto all’interno di Forte Cadine al termine della suggestiva galleria.

3^ Tappa.

Tappa breve ma non per questo facile; il percorso si sviluppa tra i vicoli, gli orti e le vigne della piccola borgata; i cambi di direzione, i diversi tipi di terreno e le continue variazioni di pendenza rendono questi chilometri molto nervosi. I primi 6/700 metri in leggera discesa vi porteranno ad una condotta di gara subito a “tutta” ma è meglio impostare una condotta prudente. Il tracciato presenta dei passaggi stretti con la possibilità di rimanere rallentati, ma i tratti per recuperare non mancano, inoltre in così pochi chilometri è difficile perdere tanto terreno rispetto a quelli che sono i vostri diretti avversari in classifica. La location è molto particolare, si corre in mezzo a filari di vigna, olivi e prugni, e dopo un paio di chilometri si ripassa all’interno del borgo per poi lanciarsi nella seconda metà di gara nelle campagne circostanti l’abitato. Si ritorna nuovamente in paese, passando fra orti e sotto i caratteristici avvolti, per terminare la fatica sul sagrato della chiesa posto in cima alla scalinata.

4^ Tappa.

Si parte nel piazzale della Cooperativa Valli del Sarca “La Trentina” a Pietramurata, si prosegue verso sud, prima costeggiando il fiume Sarca e poi passando fra i fi lari di vigne ed il parco urbano, fi no a raggiungere dopo circa 1km il caratteristico ponte che si attraversa per immettersi sulla ciclabile che si percorre brevemente prima di rituff arsi nella campagne e raggiunge l’abitato di Pergolese. Proseguendo verso nord, dopo aver corso sulle sponde del fi ume Rimone si incontra il caratteristico Maso Toresella per poi aff rontare l’aff ascinante passaggio, su pista pedonale in assi di legno, che lambisce il lago di Toblino e il suo splendido maniero. Il percorso, si sviluppa pressochè pianeggiante per i primi dieci chilometri, poi incomincia a salire leggermente verso il paese di Padergnone (10,5km) da dove si scendere verso Santa Massenza (11,8km) che si raggiunge dopo aver costeggiato l’omonimo lago percorrendo la pista ciclabile. Oltrepassato il borgo, rinomato per le sue cantine, attorno al km 12,5 si riprende a salire in maniera decisa e in prossimita della Comunità “Casa di Giano” si abbandona l’asfalto per imboccare un sentierino nel bosco fra lecci e carpini che costituisce l’ultima diffi coltà, una rampa di circa 300 metri con pendenze al 20/30% che obbliga a una corsa cortissima che per i più si trasformerà in camminata, poi, giunti in “vetta” (km 13,5) ancora 700 metri in falsopiano ci separano dal traguardo fi nale di Fraveggio. La Tourlaghi 2015 è conclusa… in 4 tappe avete corso una maratona!!!

DSCN2219

 

it.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   

A Bellavista torna l’imprendibile Fadda, Giacomino 3^, Andrea Rosati 7^, un grande Diego De Cubellis, conferme per Erika e Nicchi Santi.

A Bellavista vittoria dell’imprendibile Fadda, a sorpresa Prosa davanti a Giacomino, mentre Andrea Rosati si ferma al 7^ posto, il ritorno di Diego De Cubellis, 38^ assoluto e 7^ di categoria, la trasferta di Nicchi Santi da Arezzo a Poggibonsi per la Sua gara preferita 74^ e 6^ di Categoria, mentre Erika Cesaretti 183^ e 2^ di categoria. Le foto dall’archivio della Uisp Chianciano. Come sempre on line tutte le classifiche della domenica.DSCN3368DSCN8320DSCN7983DSCN6190DSCN2523DSCN2404

DSCN2331

PDF24    Invia articolo in formato PDF   

Al “Boscatello” i gruppi a farla da padrona.

Molti gruppi presenti alla gara immortalati, Aspa Bastia, Podistica Arezzo, Unione Polisportiva Policiano, Atletica Sinalunga, Atletica Ponticino, La Chianina Running, Subbiano Marathon, Filippide, Avis Sansepolcro e naturalmente “Il Campino. Le foto con dedica che potete già trovare on line nel web. DSCN1114DSCN1146DSCN1120DSCN1116DSCN1094DSCN1084DSCN1075DSCN1049DSCN1043

DSCN1030

PDF24    Invia articolo in formato PDF   

A Teo Ma “Il Boscatello 2015″ ma grande il gemello Ale 4^ e la Regina 3^ assoluta. La Uisp Chianciano in evidenza.

Teo ma si aggiudica la gara “Corri al Boscatello” dopo aver quasi praticamente condotto da solo la gara dai primi km, il gemello 3^ fino ad un km dall’arrivo superato di poco dall’amico Cristian Taras, la Regina, queste non sono le Sue gare, 3^ assoluta dietro alla coppia Belardinelli, Barneschi 1^ assoluta, ma tutta la Uisp Chianciano in evidenza alla gara, 20^ Stefano Carlini piccolo infortunio per Lui, 22^ Pierangelo Bondi, 65^ Ale, 78^ Pepa, 169^ Pelle, 184^ Katia, 244^ il Lodo, 266^ il Doc, 276^ il Tava, la coppia Mazzetti, Achraf, 282^,283^.DSCN1101DSCN2215DSCN1951DSCN1918DSCN1715DSCN1571DSCN1547DSCN1425DSCN1409DSCN1380DSCN1358DSCN1322DSCN1229DSCN1197DSCN1188DSCN1128

DSCN1094

it.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   

Festa dell’atletica giovani 31 maggio 2015.

A.S.D. Calcio Colli Etruschi e A.S.D. Pol. Chianciano (Uisp Chianciano) invitano tutti i ragazzi delle scuole di Chianciano alla festa dell’atletica. Nella volontà di restituire alle famiglie chiancianesi degli spazi con interventi a costi limitati, coinvolgendo le associazioni presenti nel tessuto locale e cercando così di ripristinare il senso di appartenenza e il piacere delle proprie cose, perché siamo convinti che non c’è sempre bisogno di andare “fuori” a cercare ciò che a Chianciano abbiamo sempre avuto o che con poco si può realizzare, la A.S.D. Calcio Colli Etruschi, dopo aver ideato e promosso insieme ad altre associazioni, la Proloco e il patrocinio del Comune la manifestazione intitolata: “Puliamo Chianciano”, ha intenzione di contribuire ad un nuovo progetto che si chiamerà: “Festa dell’Atletica Giovani” da poter poi replicare in aree diverse negli anni successivi.

         Insieme alla A.S.D. Polisportiva Chianciano Terme, che sarà l’associazione principale e trainante della manifestazione e ad altre associazioni e attività commerciali che ci sosterranno, attualmente in  via di definizione, vogliamo realizzare una festa dell’atletica per i bambini e i ragazzi delle scuole elementari e medie di Chianciano Terme, coinvolgendo le rispettive famiglie, che permetterà di valorizzare ed utilizzare con continuità nel periodo estivo e fin quando non saranno realizzati progetti di altro tipo, l’area sportiva “il Castagnolo” in particolar modo l’area sottostante il campo sportivo dove si trova la pista ciclabile.

         Riscopriremo quindi e metteremo a disposizione dei cittadini e non solo, degli spazi verdi dove poter fare attività fisica, portare i propri bimbi a giocare con le biciclette in un ambiente sicuro fuori dal traffico, con la possibilità di uno spazio da dedicare al calcio e agli altri Sport per i nostri ragazzi, utilizzabile dalle varie associazioni sportive, o semplicemente il poter fruire di uno spazio dove fermarsi a fare merenda insieme.

Festa atletica programma

PDF24    Invia articolo in formato PDF